L’ ira, e ’l valor di Fineo, il core, e ’l senno,
Il vantaggio de l’arme, e de guerrieri
La rotta à i Persi in quella parte denno,
Se ben furo un gran tempo arditi, e fieri.
Un, ch’era appresso à Perseo, gli fe cenno,
E fe, che vide i morti cavalieri.
Non sà l’ardito Greco ove s’ investa,
Se salva quella parte, perde questa.

Come Tigre crudel, ch’arrota i denti,
Da fame stimulata, anzi da rabbia,
Se muggir sente due diversi armenti,
In due diverse valli, più s’arrabia,
Gli orecchi hà in questa parte, e in quella intenti,
E non sa dove prima à investir s’habbia,
Al fin dove è più cibo, e più muggito,
Corre à sfogar l’ingordo suo appetito.

Publio Ovidio Nasone - Le Metamorfosi (2 a.C. - 8 d.C.)

Traduzione dal latino di Giovanni Andrea dell'Anguillara (1561)

Libro Quinto

.

 

Software: Adobe Photoshop 
Pin It